Associazione P.A.C.E

Il progetto dell’Associazione P.A.C.E. di quest’anno è sempre nell’ambito sportivo-educativo. Portiamo il bambino verso l’educazione allo sport. Per questo motivo abbiamo deciso di continuare la nostra collaborazione con la scuola Lepido: sono aperte le iscrizioni per il martedì e il venerdì dove facciamo alla Lepido il doposcuola con le medie, più lo sport educativo e il laboratorio educativo. Inoltre, continuiamo il progetto oratori che quest’anno vuole riprendere la nostra specifica tradizione, che è il cortile. Al giovedì saremo sul cortile di Regina Pacis, mentre al lunedì saremo su quello dello Spirito Santo.

Quest’anno ci presentiamo con un progetto culturale che sarà realizzato da una nuova un’equipe professionale che comprende lo psicologo, il pedagogista, l’educatore sociale e sportivo, una sessuologa, una nutrizionista e un atelierista. Questa équipe intende approfondire e specializzarsi nel discorso educativo del ragazzo nell’età evolutiva. P.A.C.E. s’identifica come agenzia sportiva ed educativa, come mediatrice tra la famiglia – che è la prima agenzia educativa – e la scuola per aiutare il ragazzo a crescere in ambiente il più sano possibile. Il desiderio è quello di creare una struttura educativa capace di tutelare il ragazzo do ogni forma di bullismo che incontra negli ambienti quotidiani. Siamo attivi sul territorio come presenza preventiva della devianza minorile, educando con lo sport. Per P.A.C.E. lo sport non è una finalità, ma un mezzo. Ecco perché vincere o perdere per noi non è fondamentale, come invece accadde nelle altre società sportive. Per noi al centro c’è la crescita del ragazzo. Purtroppo molti genitori non hanno ancora capito questo obiettivo così importante, perché si lasciano sedurre dalle sirene del mito del piccolo campioncino. Ecco perché come coordinatrice del progetto, ex giocatrice e attuale allenatrice FIGC ho cercato di finalizzare il percorso, rispettando la maturazione del bambino. Quante volte, in tanti anni di esperienza, ho visto la distruzione morale di tanti bambini, bruciati dall’ambiente competitivo che ruota intorno alle società sportive. Ecco l’intuizione, allora, di un progetto che prima di guardare e di proiettare nel futuro del bambino un possibile campione, cerca di salvaguardare la formazione della sua umanità e della sua interiorità. La società mira solo al bambino che può diventare un campione, scartando brutalmente gli altri. Noi, oltre al valore calcistico, con l’aiuto dell’équipe messa in piedi, cerchiamo di valorizzare la persona nella sua complessità.

Ecco perché ci dirigiamo ai genitori invitandoli a scegliere la società sportiva non per lucrare sui propri figli, ma per aiutarli a crescere come uomini. Per questo ci proponiamo. Sono aperte le iscrizioni dei 2004, 2005,2006, 2007,2008.

Quest’anno con l’aiuto dell’équipe educativa avremo la possibilità di realizzare momenti culturali formativi attraverso il cineforum per bambini, per aiutarli anche a maturare una visione critica della realtà.

Contatti:
Clara: 3924966111 
info@pacepolisportiva.org

Visita anche:  www.pacepolisportiva.org